Storia di Catania

Il Teatro Bellini

Il Teatro Massimo "Vincenzo Bellini", costruito su progetto di Carlo Sada, l'architetto milanese che pochi anni dopo avrebbe firmato il "Colon" di Buenos Aires, fu inaugurato il 31 maggio del 1890 con la rappresentazione della Norma di Vincenzo Bellini [7]. Nel Teatro vi sono 113 palchi su quattro file, 8 barcacce di proscenio, un palco centrale per il Capo dello Stato, duemila posti in totale. L'apertura del boccascena Ŕ di 14 metri e la profonditÓ del palcoscenico di 21. Al Bellini hanno cantato i maggiori artisti lirici, tra i quali Toti Dal Monte, Maria Caniglia, Magda Olivero, Ferruccio Tagliavini, Beniamino Gigli, Tito Schipa, Ebe Stignani, Maria Callas, Mario Del Monaco, Giuseppe Di Stefano, Renata Scotto, Montserrat CaballÚ.
La realizzazione di questo ambizioso monumento alla musica ha dietro di sÚ una lunga e contrastata storia di progetti e ripensamenti. Carlo Sada (formatosi all'Accademia di Brera e a Roma) giunse a Catania al seguito di Andrea Scala, suo maestro, che finý col soppiantare nel 1880. Lo stile del Teatro catanese si ispira all'eclettismo francese del secondo impero imposto a Parigi da Charles Garnier con l'OpÚra di Parigi. Il prospetto del Teatro Bellini Ŕ carico di ornamenti e allegorie; molto elegante il portico d'ingresso per le carrozze, chiuso da cancellate in ferro [4].
L'interno Ŕ caratterizzato da una grande sala, dall'acustica eccellente, con quattro ordini di palchi e la galleria. Tutt'intorno gli spazi sono stati utilizzati per ricavare eleganti corridoi, saloni e il foyer, all'interno del quale Ŕ un bel monumento a Vincenzo Bellini.Il soffitto, affrescato da Ernesto Bellandi, rappresenta l'Apoteosi di Bellini. Il sipario, opera di Giuseppe Sciuti, rievoca una pretesa Vittoria dei catanesi sui libici, che Ŕ esistita soltanto nella fantasia dello storico seicentesco Pietro Carrera da Militello [1]. 
 
 

 <<  | [indice] | >>